Subscribe to our mailing list

* indicates required

Bedwyr Williams, Mini Bus

8 novembre 2009

Bedwyr Williams, Minibus Bedwyr Williams, Minibus Bedwyr Williams, Minibus Bedwyr Williams, Minibus Bedwyr Williams, Minibus Bedwyr Williams, Minibus

Teatro della Cavallerizza Reale, Manica Corta - Via Verdi 9, Torino.

A cura di Cecilia Canziani e Ilaria Gianni
Prodotto da Nomas Foundation, Roma
In occasione di Artissima 16

Accecare l'ascolto/Aveugler l’écoute/Blinding the ears
Action, Behaviour, Performance, Instant Theatre in Turin
Pensato e curato da Andrea Bellini

“Un giorno, guidando verso casa in un mini bus con altri quattro artisti in residenza – mentre i freni fanno cilecca su un passo di montagna”.
Bedwyr Williams è un artista gallese che lavora con la performance e con l’installazione. Impiegando in entrambe una criticità impegnata e uno humour surrealista, l’artista esplora i temi contemporanei dell’identità, della collocazione e della cultura, spesso sviluppando il lavoro a partire dalla sua stessa esperienza autobiografica. Bedwyr Williams ha rappresentato il Galles con il suo progetto personale Basta alla Biennale di Venezia del 2005.
Fatto comune nella sua pratica, Minibus deriva da un tratto di una precedente performance, Methodist to my Madness (2009).
In questa nuova performance commissionata, l’azione ha luogo nell’attimo immediatamente successivo a un incidente stradale che ha visto la macchina, che riportava cinque artisti in residenza ai loro alloggi, uscire fuori strada.
Quattro dei cinque artisti erano spiriti liberi, non seguivano le convenzioni, quindi non indossavano le cinture di sicurezza. Poiché Bedwyr Williams indossava la sua cintura, lui è l’unico sopravvissuto ed è il suo monologo – incorniciato dal magico paesaggio di un passo alpino – che costituisce la performance.
Le relazioni tra gli artisti in residenza comprendono l’intera gamma dei sentimenti: dall’indifferenza, passando per l’amore fino all’odio e alla violenza, a seconda della combinazione delle personalità.
Usando un certo intuito e uno humour nero, Minibus sfida le regole e le convenzioni delle residenze degli artisti, mettendoci a confronto con i loro lati piĂą nascosti.

Bedwyr Williams vive e lavora in Galles.
Mostre personali: 2010 Open Weekend – Wysing Arts Centre, Cambridge, Gallery, Galerie, Galleria – Norma Mangione Gallery , Torino; 2009 Accecare l’ascolto – diverse sedi, Torino, This was now – Sartorial Contemporary Art, London; 2008 Behind – Monitor, Roma; 2007 Skate Project – Chapter Gallery, Cardiff; 2006 Oriel Mostyn, Llandudno, Wales; 2005 Bedwyr Williams. STORE, Londra; Basta, Welsh Pavilion, Biennale di Venezia, Venezia, Albatros, Golf/Harp Performance at Camden Arts Centre, London and National Eisteddfod.
Mostre collettive: 2006 Becks Futures, ICA, London and touring; 2005 Spectator T, various venues in Sheffield, Over & Over, Again & Again, Contemporary Art Centre, Vilnius, Lithuania Summer Show, Andrew Mummery, Londra.


MailFacebook
Newsletter
iten
MailFbTwitterVimeo